Le case di edilizia popolare costruite negli anni '80: palazzi alti 6 o 7 piani abitate da centinaia di famiglie

Chi difende le politiche abitative

Il diritto alla casa, sia essa in locazione che in acquisto oggi è uno tra i diritti negati ad una parte sempre più significativa della nostra popolazione. E non si tratta più solo delle fasce più deboli della popolazione tradizionalmente riconosciute (pensiamo agli immigrati).

Le fasce più deboli si allargano, ma l’offerta pubblica di abitazioni è sempre più inadeguata

Ad esse si aggiungono, nuove e diversificate situazioni di disagio grave, temporaneo o stabile, che colpiscono studenti, lavoratori, lavoratori stagionali, donne e anziani che si trovano nella difficoltà a sostenere i costi dell’abitare o nell’accedere ad un’abitazione economicamente accessibile e dignitosa. A fronte di questi problemi, abbiamo una offerta pubblica di abitazioni e di politiche correlate del tutto inadeguate.
In assenza di politiche abitative, vince la legge di mercato che mai come in questi ultimi tempi vede i canoni di locazione subire una impennata vertiginosa.

La competenza sta sulle Regioni

Stante la gravità della situazione, non è più rinviabile l’apertura di un dibattito pubblico su questi temi. Fino ad ora sulla casa non ci sono state proposte concrete. Si richiede a livello nazionale, di introdurre nella legge di bilancio fondi per l’edilizia pubblica e ribadire la centralità del ruolo del pubblico, ma fondamentale è anche il ruolo delle Regioni a cui è stata devoluta la competenza in materia di Edilizia Residenziale Pubblica. Le Regioni sono titolate a concorrere al rifinanziamento dell’edilizia sovvenzionata integrando le risorse stanziate e attuare i programmi definiti a livello nazionale.

Edilizia residenziale pubblica scomparsa dall’agenda della Regione e del Comune

La Regione Marche e l’attuale amministrazione Olivetti hanno totalmente abdicato al ruolo di soggetti principali a difesa delle politiche abitative. Stiamo assistendo ad un progressivo arretramento di queste istituzioni sul tema della casa e non solo. È completamente scomparsa dall’agenda pubblica la produzione di nuove abitazioni di edilizia residenziale pubblica e delle attività di riqualificazione e adeguamento del patrimonio esistente, con una drastica contrazione dei finanziamenti.
Non solo: è stato interrotto il rapporto con l’Erap, soggetto che ha la struttura e l’esperienza per gestire gli alloggi in locazione a canoni calmierati.

La politica della giunta Olivetti sostiene l’espansione delle seconde e terze case

È chiara la politica di questa amministrazione: sostenere l’espansione delle seconde e terze case con vista mare piuttosto che costruire politiche attive a difesa di un piano pluriennale per l’edilizia residenziale pubblica.

Gruppo di lavoro Diritti Umani, Disuguaglianze e Lavoro

Commenti

2 risposte a “Chi difende le politiche abitative”

  1. Avatar Euclide Sartini
    Euclide Sartini

    Secondo me l’articolo andrebbe integrato con numeri percentuali ecc per rendere visibile il confronto a sostegno di quanto affermato

    1. Avatar Paola
      Paola

      Stiamo raccogliendo i dati dal Comune per uscire nelle prossime settimane con riferimenti più precisi. Grazie intanto per il tuo consiglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tesseramento ↗

Vuoi avere subito la tessera cartacea? Allora scrivici per raggiungerci in sede. Altrimenti puoi tesserarti online.

Contribuisci ↗

Il modo migliore per contribuire è partecipare. Ma puoi farlo anche con un contributo in denaro, grazie!

Giovani Democratici ↗

I Giovani Democratici di Ancona pubblicano il mensile gratuito la Voce Democratica. Puoi leggerla qui.

Il logo del Partito Democratico con sotto la scritta Senigallia su fondo rosso

Partito Democratico di Senigallia
Sede legale: Via Arsilli, 94 – 60019, Senigallia, Italia – Codice Fiscale 92022170424
info@pdsenigallia.itpdsenigallia.itinformativa sulla privacy